venerdì 20 febbraio 2009

Cattolici Adolescenti

Nella pagina 36 del mio libro di PSICOLOGIA si suddivide "lo sviluppo sociale" in quattro fasi, andiamo appunto a pagina 36 che inizia così:
"Quarta fase: l'adolescenza
Rispetto allo sviluppo sociale, questa fase è caratterizzata principalmente da una ricerca sempre maggiore d'identità e di autonomia. (...) Nel corso dell'adolescenza il sentimento di amicizia acquista importanza: infatti le relazioni con i coetanei servono a rafforzare sia il senso d'identità, sia quello di gruppo. (...) L'esser parte di un gruppo però non è un processo automatico: spesso, per farne parte, gli adolescenti devono (...) obbedire a una esplicita o implicita gerarchia."
Non so quanti hanno colto la fine ironia, che contrappone la fondassocorrente Quarta Fase delle due "F" (Franceschini e Fioroni) e i cattolici adulti nati da una definizione del professor Prodi e ora guidati dalla papessa Bindi. Quei cattolici adulti irrisi, mandati anche a fanculo, da tutti i crociati, che fanno della fede una bandiera. Quei cattolici che si sono permessi di andare al di là del "date a Dio ciò che è di Dio e a Cesare ciò che è di Cesare" dicendo: "Io amo pensare alla Chiesa che si occupa delle cose di Dio" (le "D" e le "C" sono maiuscole perché son citazioni).
Questi cattolici adolescenti insieme al caro Baffino stanno spaccando, violentando il progetto iniziale del P.D., fondando le loro fondassocorrenti con tanto di tesserine, e struttura, "esplicita o implicita gerarchia" come appunto si dice nel mio libro di PSICOLOGIA.
Con ciò non voglio attaccare le singole rispettabilissime persone che si riconoscono in Quarta Fase, ma la logica malata personalistica che sta rovinando il Partito Democratico. Infatti a presto Post su Red... Alla prossima.