Pagine

lunedì 19 dicembre 2011

Cosa si augurano i giovani per il 2012

Pubblico un mio articolo uscito questo mese sul giornalino del Circolo del Partito Democratico di Sestri Ponente:

Nel 2010 i giovani erano una generazione senza voce, tutti si chiedevano dove fossero: ci pensavano sonnolenti per via di anni di TV.

Nel 2011 abbiamo guadagnato spazio, è ora chiaro a tutti che i giovani esistono. Con la primavera araba, con gli indignati di Stati Uniti e Spagna, coi tanti precari che chiedono futuro e, non ultimi, con gli “angeli del fango”, i giovani partecipano, fanno originali e interessanti proposte, portano avanti legittime richieste, si sporcano le mani.

Se continueremo a percorrere questa strada, col 2012 arriverà il momento in cui i giovani non avranno solo voce, ma terreno fertile per le loro idee e la capacità di rappresentarle nella società.

La “generazione del futuro” di fronte all'anno prossimo si fa molti auguri, pur consapevole che non è un'epoca di sogni da realizzare, ma, per il momento, di conquiste da difendere.

I giovani vorrebbero, svegliandosi dalle baldorie di San Silvestro, aver la possibilità di conquistare un posto di lavoro e avere uno Stato che investe nell'istruzione: perché i cittadini, ancor di più se giovani, non devono sentirsi voci di bilancio, ma membri di una comunità.

La mia generazione vorrebbe, masticando il carbone della prossima epifania, poter costruire una politica che inizi ad affrontare grandi questioni, per esempio il tema del cibo, tra le radici profonde delle rivoluzioni mediorientali, il tema della cementificazione e la tutela del verde. Per poter toccare questi argomenti, i giovani vogliono la possibilità di influire sulle scelte del paese: i ragazzi chiedono partecipazione!

Gli auguri che i giovani si fanno per l'anno prossimo sono ben più numerosi dei pochi da me scritti, ma ho scelto solo questi auspici perché non c'è maggiore originalità, in questa generazione, che nel voler uscire dalle brutture delle città riscoprendo i territori, e, al tempo stesso, nel sentirsi globalizzati e figli di un'unica cultura europea.

Per capire se queste speranze, volute con impazienza, porteranno con sé qualche sbaglio dovremmo superare ancora molti “San Silvestro” e mangiare altro carbone, intanto non ci resta che lottare.

Alberto Spatola

domenica 4 dicembre 2011

Mettendo a posto la camera...

Mettendo a posto la camera ho trovato una "lettera" scritta per una assemblea d'istituto al liceo Gobetti di circa un anno fa, la pubblico tardivamente volentieri:
Caro Babbo Gobetti,
non ti chiamiamo così per un'eccessiva ironia studentesca, ma perché ci riconosciamo in te come fossi un babbo, un padre. Come un padre che è da esempio, un padre come punto di riferimento, un modello.
In questa giornata, da un'Italia per certi aspetti simile a quella che tu hai vissuto, ti scriviamo non per richiedere doni, ma per esprimere, sfogare, esternare la nostra impazienza e così, in un rito collettivo, squarciamo il velo d'ipocrisia che avvolge la scuola.
Tu, babbo Gobetti, che hai saputo rinunciare a cariche offerte perché mettevi la cultura personale al primo posto, tu che hai saputo essere uno studente modello, ma in modo critico, sei il paradigma di come dovrebbe essere la classe studentesca, la nostra generazione quest'oggi, in quest'epoca: nonostante l'apparente gracilità e debolezza, sei stato, e noi vorremmo essere, un faro di cambiamento e, perché no, di ribellione, in un paese addormentato, che al tuo tempo declinò in un sonno ventennale, mentre noi lo vorremmo tener desto; ed è per questo che ti spieghiamo il perché del nostro prostestare."

Alberto Spatola

sabato 3 dicembre 2011

Iniziativa "Le primarie..."







Martedì 6 Dicembre alle ore 18

interverrà
STEFANO BERNINI
presso l'atrio di Palazzo Fieschi, Via Sestri

Iniziativa "Le primarie..."
Discussione in merito alle primarie e alla partecipazione dei cittadini alla vita politica e dei partiti.
Il circolo Pd di Sestri Ponente
ospita il gruppo di elaborazione politica
"Work In Progress"
parleranno
Stefano Gaggero, Alberto Spatola, Ugo Truffelli







Evento Facebook